annapurna devi

Annapurna Devi è un’incarnazione di Pārvatī, consorte di Śiva e simboleggia la provvidenza, la prosperità e la carità. 


La Dea è preposta al nutrimento di ogni essere vivente e in questa forma viene raffigurata mentre con una mano sorregge un vassoio ricolmo di cibo e con l’altra lo distribuisce ai devoti.

Il mito racconta che Śiva e Annapurna discutevano spesso.
Mentre il Dio sosteneva che il mondo è solo un’illusione creato da Maya e che il cibo è parte di questa illusione, Annapurna sosteneva la necessità che tutti gli esseri viventi hanno di nutrirsi poiché, senza cibo, la vita spirituale non sarebbe possibile.

Per dimostrare l’importanza di nutrire il corpo, la Dea scomparve dal mondo. Nel giro di poco tempo, la terra divenne sterile, la natura silenziosa, il ciclo delle stagioni si fermò. Siccità e carenza di cibo
portarono solo sofferenza.

Vedendo quanto dolore aveva creato nel mondo, mossa da compassione la Dea decise di ritornare e apparve nella città sacra di 
Vārāṇasī,

dove iniziò a distribuire cibo a tutte le persone che ne avevano bisogno.

Lo stesso Śiva si presentò davanti alla Dea con una ciotola
in mano e disse: “Ora comprendo che il mondo materiale, come quello spirituale, non può essere considerato soltanto un’illusione e che il corpo in cui l’anima risiede va nutrito, poiché è un tempio della Divinità.”

Vārāṇasī si trova il più grande tempio dedicato ad Annapurna

Devi, dove quotidianamente vengono raccolte offerte di cibo da distribuire ai più bisognosi.